IL CAMPO

18 buche, mt. 6462, PAR 72, 3 buche executive

Il Golf Nazionale si estende nella campagna laziale, a 40 chilometri da Roma.
Campo tecnico, avvincente e divertente, è apprezzato per il modo in cui è stato sfruttato il terreno ondulato su cui sorge, per l’utilizzo naturale di un fosso che lo attraversa a ferro di cavallo, per la quantità e la bellezza di alberi di quercia secolari che svettano negli oltre 70 ettari che delimitano il Golf Club.
Disegnato da George e Jim Fazio e David Mezzacane, il percorso si trova a 300 mt sul livello del mare, inserito nel suggestivo paesaggio naturale dell’alto Lazio, e sposa i principi dell’ecosostenibilità con il tappeto verde costituito da una Bermuda Grass di nuova generazione che ben si adatta al clima del bacino del mediterraneo ed in grado di superare inverni molto rigidi.

 

Riconosciuto da tutti i golfisti che lo hanno provato come un campo difficile, affascinante e divertente, il Golf Nazionale vanta numerosi titoli come “Top Ten Course” in Italia.

CAMPO PRATICA

Il campo pratica, in erba, offre anche numerose postazioni coperte con tappetini sintetici. È aperto a tutti ed è generalmente utilizzato dai professionisti che scelgono il Golf Nazionale per i loro allenamenti, dalle Squadre Nazionali per i raduni, dai ragazzi della Scuola Nazionale di Golf e dagli allievi dei corsi.

È fornito di apparecchiature di ultima generazione per l’analisi dello swing come Trackman, SAM PuttLab. La zona dedicata al gioco corto comprende: putting green e due zone approcci.

LE BUCHE

Buca 1 – Par 5 -Hcp 5

Par 5 lungo con ostacolo sulla destra e laghetto sulla sinistra da evitare cercando con il secondo colpo la parte destra del fairway. Il green è ben difeso da due bunkers nella parte anteriore e rialzato nella parte posteriore.

Buca 2 – Par 4 – Hcp 13

Par 4 con green sopraelevato, su due livelli, con pendenza verso l’inizio e verso sinistra. Insidioso il tee shot con due grossi bunkers a difesa dell’area d’approccio.

Buca 3 – Par 3 – Hcp 17

Par 3 che si gioca dall’alto, considerate di usare anche un bastone più corto. Il green è ben difeso da 4 bunkers  su tre lati e di difficile ingresso, con pendenza da sinistra a destra. Fuori limite su entrambi i lati.

Buca 4 – Par 4 – Hcp 1

La buca più difficile del percorso, si tratta di un par 4 molto lungo, con un ostacolo iniziale e lungo tutto il lato sinistro, il green è ben difeso da una grossa quercia e due bunkers, con pendenze da destra a sinistra.

Buca 5 – Par 4 – Hcp 3

Difficile par 4 con ostacolo sulla sinistra e rough alto sulla destra, due bunkers ai lati del fairway obbligano ad un tee shot lungo e preciso, il green è grande con pendenze verso sinistra e verso l’inizio.

Buca 6 – Par 4 – Hcp 7

Deciso dogleg a sinistra con fairway piuttosto largo, ma con un insidioso rough sulla sinistra che crea più di qualche problema a chi intende tagliare la buca tirando sopra la grossa quercia di sinistra, il green è lungo con pendenze verso l’inizio e difeso sui lati da due bunkers.

Buca 7 – Par 5 – Hcp 9

Lungo par 5 tutto in discesa con fuori limite sulla sinistra. Il  green è rialzato protetto sul lato destro da bunkers insidiosi e difficilmente accessibile, con pendenza da sinistra a destra.

Buca 8 – Par 4 – Hcp 11

Par 4 con ostacolo iniziale e fuori limite a sinistra, va privilegiata la precisione alla potenza per evitare i bunkers su entrambi i lati del  fairway, il green è ondulato con pendenze verso l’inizio.

Buca 9 – Par 3 – Hcp 18

La buca che chiude le prime 9 buche è un par 3 con ostacolo sulla sinistra e green rialzato, ben difeso dalle fronde degli alberi che lo costeggiano, evitare il colpo lungo per non giocare dal bunker con green tutto in discesa.

Buca 10 – Par 4 – Hcp 4

Par 4 impegnativo, con ostacolo sul tee shot e ostacolo a difesa del green, per compensare la pendenza del terreno verso sinistra ed avere il colpo aperto al green il tee shot va indirizzato sul lato destro del fairway.

Buca 11 – Par 4 – Hcp 12

Buca par 4 tutta in salita con fairway largo e piccolo ostacolo  sul tee shot e bunker sul lato sinistro. Il green è su due livelli difeso da bunkers su entrambi i lati con pendenze verso l’inizio.

Buca 12 – Par 3 – Hcp 14

Par 3 lungo, che si gioca dall’alto, da evitare l’ampio rough sulla destra e sulla sinistra, green lungo e difeso da bunkers su entrambi i lati.

Buca 13 – Par 4 – Hcp 15

Buca piuttosto impegnativa, con un primo colpo da indirizzare nella parte sinistra del fairway per evitare che il pero selvatico sulla destra precluda il secondo colpo al green, che è su due livelli con forte pendenza verso l’inizio.

Buca 14 – Par 5 – Hcp 8

Par 5 lungo con un leggero dog leg a destra. Da evitare il rough di sinistra e una serie di bunkers sulla destra. Il green è trasversale difeso da bunkers su tre lati con pendenze verso destra.

Buca 15 – Par 4 – Hcp 2

Par 4 con ostacolo d’acqua sulla destra e un leggero dog leg a destra, in salita, è necessario un tee shot lungo e preciso, per accedere al green leggermente rialzato con pendenza verso l’inizio.

Buca 16 – Par 4 – Hcp 16

Par 4 con tee shot agevole se indirizzato sulla sinistra del fairway evitando il bunker,  difficile secondo colpo al green, rialzato, stretto e difeso da due profondi bunkers, con pendenza da destra verso sinistra.

Buca 17 – Par 3 – Hcp 6

Lungo par 3  con tee shot reso difficile dagli alberi su ambo i lati ed ostacolo sulla destra, il green è difeso da bunkers su entrambi i lati con forte pendenza verso l’inizio.

Buca 18 – Par 5 – Hcp 10

Par 5 con ostacolo iniziale, in salita con bunkers sul lato destro del tee shot, il  green è molto lungo su due livelli molto marcati con pendenza verso l’inizio.